SOCIAL MEAT WORK

fondue bourguignonne by ©ubik-mauriziolodi. Il rito della fondue bourguignonne è una golosa occasione per stare assieme, come tutto il mangiare del resto: ognuno con il suo spiedino e le sue salse attorno al tavolo. Un rito cosí piacevole da “condividere”…  AAAARGH!!!  … Condividere! … Da qualche tempo questo termine, bloggamente, mi scatena del panico da ossessione sociale: Sharing obsession!

É una esplosione continua. Pinterest è una delle recenti bolle di socialità all’interno della quale ognuno coltiva i propri interessi “pinnando” pagine web nella propria cartelletta, condividendole pubblicamente. Due questioni sono venute emergendo in materia nella comunitå fotografica. La prima riguarda la leggittimità del contratto Pinterest per cui diventando membri del network ci si assume tutti i rischi di azioni che intrinsecamente, e per la maggior parte, ledono il diritto d’autore ( mica tutto è su licenza “creative commons” ). La seconda presentata dal blog di Photoshelter, sconsiglia ai fotografi di prendere parte al “pinnamento” in quanto Pinterest è cresciuto come luogo di shopping visuale, privato e femminile, ma poco frequentato dallo “shopper” fotografico ( = scarse occasioni di business). Personalmente aderisco, per sfinimento sociale, alla seconda ipotesi, anche se penso che del lavoro verso i privati potrebbe svilupparsi, invece, come fanno balenare gli amici di Jumper nel loro post. Al momento ho qualche follower con pagine vuote, che già forse usa, come me, internet come fonte di ispirazione, ma con altri aiuti informatici ( Evernote ad esempio ). Tornando alla Bourguignonne, alla Aioli, alla Salsa verde: gli scatti,  inediti, fanno parte di una pattuglia di aggiornamenti a breve disponibili sul mio sito portfolio/archivio su piattaforma Photoshelter. Manca solo il keywording: le parole chiave che descrivono le immagini e rendono possibile la ricerca.

Comments are closed.