DOP GIOCO

pistacchi

Per il servizio ” Made in Italy” che pubblichiamo ogni mese su Sale & Pepe ci tocca reperire alimenti ai quali dobbiamo chiedere la carta di identitá. Il rischio di fotografare l’alimento sbagliato é meno peregrino di quanto sembri. Il Carciofo Mammola l’ho dovuto aspettare a lungo sotto casa sua, mentre con Romano Pecorino e Reggiano Parmigiano la cosa é stata più agevole, perché l’avevano stampato in fronte. Fate un confronto all’americana tra un Perino e un San Marzano e poi mi raccontate.
Ora… C’é un signore in un paese sulle pendici dell’Etna che si ricorda di Sale e Pepe.
Avevo giá scattato la foto dei Pistacchi quando mi venne il dubbio che nella frenesia di quella giornata i sacchetti potessero essere stati scambiati. Per onestá intellettuale, e ricordando quello che era successo all’ Uomo Ragno nella canzone degli 883, feci presente alla redazione la possibilitá di un errore. Sottoposto ad un confronto con immagini di repertorio, il nostro Pistacchio di Collegno riusciva ad assomigliare a quello originale , ma come potevamo esserne sicuri? Fu Monica a scrivere al presidente del Consorzio del Pistacchio di Bronte, che espresse il suo dubbio ( Pistacchio Greco? ) e per fugare ogni dubbio si offrí di spedire al mio studio il materiale per fare una foto DOP.
In questo post ti offro la possibilitá di mettere alla prova le conoscenze in materia di frutta secca, la tua affidabilitá, le tue doti di campione/campionessa di Aguzzate la Vista. L’enigma è elettorale: destra o sinistra?

L’articolo sul pistacchio di Bronte è in pubblicazione su Sale & Pepe di Marzo 2013 : in questi giorni in edicola, e IOS App

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *